Cenni di mineralogia

Il Diamante è un minerale cristallizzato nel sistema cubico composto unicamente di carbonio (C ), la cui struttura cristallina è data da una combinazione di tetraedri di carbonio, formati da 4 atomi l'uno legato all'altro e circondati a loro volta, da altri 4 atomi di carbonio, che creano una struttura tridimensionale. I legami tra gli atomi di carbonio sono di natura "covalente" che gli conferisce l'estrema durezza che contraddistingue il diamante. Per rompere tali legami è necessaria una grandissima quantità di energia.

Un'altra forma di carbonio cristallizzato molto conosciuta è la Grafite, che ha una struttura esagonale bidimensionale,  anch'essa  formata da stati di carbonio, con legami di natura elettrica molto deboli, che spiega la differenza essenziale tra i due minerali. Tutti conoscono la fragilità della grafite contenuta in una matita che sfregata anche solo su un foglio di carta rompe questi legami ...

Esiste anche un tipo di diamante che molto raramente si trova anche nei meteoriti con una cristallizzazione diversa (sistema esagonale )e prende il nome di Lonsdaleite. La sua formazione cristallina è ,in questo caso, dovuta  all'impatto sulla terra.

In natura il diamante si presenta sotto diverse forme cristalline come il cubo o l'esaedro, il dodecaedro e più frequentemente l'ottaedro.

 

 

Genesi e Geologia

 

Le aree del mondo dove sono presenti i diamanti sono poche e sempre legate alla presenza di una roccia magmatica, la KIMBERLITE o in rari casi la Lamproite.

Grazie ad esperimenti di sintesi del diamante, gli scienziati hanno ipotizzato numerose teorie per tentare di spiegare le condizioni fisico-chimiche della nascita del diamante all'interno della terra. Essa avverrebbe nel "mantello superiore", ad una profondità  di circa 150-200 km a temperature molto elevate comprese tra 1300° C e 2000° C e ad una pressione di  70 tonnellate/cm2.

I cristalli di diamante si formano nel carbonio liquido presente nel mantello terrestre e si aprono la via verso la superficie attraverso le profonde fratture nella crosta terrestre,  arrivati a meno di 2 km di profondità , si produce una violenta esplosione seguita da un repentino raffreddamento che preserva i diamanti dalla combustione. Il cratere formatosi si riempie di kimberlite contenente una gran quantità di diamanti. Il camino di kimberlite è detto GIACIMENTO PRIMARIO. Grazie all'azione erosiva, i diamanti possono essere trasportati verso corsi d'acqua e possono fermarsi in depositi alluvionali o in estuari dei corsi d'acqua,  in mare o lungo le coste , sulle dune , ecc...In questi casi si parla di GIACIMENTI SECONDARI.

La maggior parte dei diamanti si è formata più di 990 milioni di anni fa , a grandissima profondità, ad esempio i diamanti del camino di kimberly  hanno più di 3200 milioni di anni.